Studentessa dell'Empedocle seconda alla X edizione dell'Agon eschileo

Si è svolta a Gela, dal 28 marzo al 1° aprile, la X edizione dell'Agon Eschileo, gara di traduzione dal Greco antico aperta a studenti di tutti i Licei Classici italiani




La nostra alunna Daniela Di Fede, della classe II B, ha conseguito un importantissimo traguardo, classificandosi al secondo posto nella X edizione dell’Agon Eschileo, gara nazionale di traduzione di greco antico, organizzato dal Liceo Classico “Eschilo” di Gela. Il primo posto è stato conquistato da Marco Pernarella del Liceo Classico "Raffaello" di Urbino, il terzo posto da Giada Tomasello del Liceo Classico "Verga" di Adrano. Questi studenti, individuati tra i partecipanti come i migliori giovani traduttori italiani dal greco antico, sono stati selezionati tra un gruppo di 29 studenti di diversi Licei Classici, provenienti da 12 città di varie regioni italiane. Al primo classificato sono andati mille euro, alla nostra studentessa 700 euro e alla terza classificata 500 euro. Grazie alla sponsorizzazione dell'Eni, gli organizzatori hanno potuto offrire ai 29 partecipanti e ai loro 12 accompagnatori un programma culturale ricco e intenso con visite guidate a Piazza Armerina, per ammirare i mosaici di Villa del Casale, ad Aidone e Morgantina, per ripercorrere le tracce di Demetra e Kore, e a Taormina per un viaggio tra gli scavi archeologici della città.

Il programma delle giornate ha anche previsto dopo l’accoglienza momenti di convivialità, confermando una vocazione all’ospitalità che ha le sue radici nel mondo greco. Nel corso delle giornate, gli studenti hanno partecipato a un seminario su “I luoghi e le rappresentazioni del teatro classico” tenuto da importanti relatori, quali lo scenografo dell’INDA Dario La Ferla. Per tutti i cinque giorni dell’iniziativa gli studenti hanno avuto modo di scambiarsi esperienze ed emozioni, ospiti dei propri coetanei gelesi.

Il nostro Liceo ha partecipato con una delegazione di quattro studenti, selezionati tra i tanti studenti con eccellenti voti nelle lingue classiche: Pasquale Davide Siracusa (III D), Antonio Iacono (III G), Giuseppe Chiapparo (IIE) e, appunto, Daniela Di Fede (II B), prescelta dalla giuria per originalità e per la validità della traduzione poetica da lei realizzata. Il gruppo degli studenti dell’Empedocle, oltre ad aver avuto un sostegno dai propri docenti di greco delle rispettive classi, è stato guidato dal prof. G. Marino, attraverso un corso intensivo laboratoriale di traduzione sui testi di Eschilo.

La partecipazione ai certami, ai concorsi e alle competizioni, rappresenta per gli studenti una preziosa occasione di confronto e di crescita poiché offre la possibilità di misurarsi con difficoltà diverse su prove particolarmente impegnative. Per tali ragioni sono esperienze che lasciano il segno, arrecando in ogni caso una profonda soddisfazione, che nasce dalla stessa partecipazione, indipendentemente dai risultati ottenuti.

Per il nostro Liceo Classico è un dato particolarmente importante e significativo che gli alunni si sentano spinti da una motivazione culturale a partecipare a eventi così prestigiosi con l’orgoglio di rappresentare la propria scuola, con la possibilità di conoscere coetanei provenienti dalle diverse regioni italiane con i quali hanno in comune la passione per gli studi classici. L’affermazione conseguita è stata motivo di gioia per tutti noi facendo crescere la consapevolezza dell’efficace lavoro didattico svolto dai docenti, grazie al quale gli studenti riescono a essere all’altezza di sfide tanto impegnative.







Commenti